Sull’esempio della Vergine Madre, il contemplativo è la persona centrata in Dio. (VDQ 10)

Mattino di pasqua

Stampa

paque17

 

                   Questo componimento, scritto da E. Stein nel 1924, è un augurio pasquale che la nostra autrice donò alla superiora del convento di Santa Maddalena a Spira, Madre M. Ambrosia Hessler, quando ella vi viveva in qualità di insegnante. Tenteremo una meditazione libera e personale del testo per cercare di cogliere lo spirito della Risurrezione che da esso promana.

 

Buia la notte nella tomba,

ma i raggi delle sante ferite

penetrano la durezza della pietra,

sollevata leggermente e posta a lato;

dal buio della tomba si erge

il corpo del Figlio dell’Uomo

illuminato di luce, irraggiante splendore,

nuovo corpo risorto del Figlio dell’Uomo.

 

 

 

Lento nella caverna Egli esce

nella tacita prima aurora del silente mattino,

lieve nebbia ricopre la terra;

profondamente ora sarà attraversato da luce

di bianco bagliore

e il Salvatore oltrepassa il silenzio

della terra nuovamente ridestata dal sonno.

 

 

 

Sotto i passi dei santi suoi piedi

fioriscono, mai visti, fiori di luce

e dove, lievemente, le sue vesti sfiorano il suolo,

scintilla il terreno, brillio di smeraldo.

Dalle sue mani fluisce la benedizione

sui campi, sui prati in turgidi, chiari profluvi,

nella rugiada mattutina della pienezza della grazia

irraggia, giubilando, la natura del Risorto,

quando Egli silente procede a fianco degli uomini.

Auto Insurance Quotes