Nuova novena a Santa Maria di Gesú Crocifiso

Carmelitana Scalza di Terra Santa

Dati cronologici

 

5 gennaio 1846: nascita ad Abellin (Alta Galilea in Terra Santa)

Fine 1848 – inizio 1849: morte dei genitori

1858, a settembre, martirio, guarigione miracolosa (Alessandria – Egitto)

1858 – 1865: lavora come domestica nelle famiglie (Medio Oriente e Francia)

1865: ingresso nelle Suore di San Giuseppe dell’apparizione a Marsiglia – Francia

1867: ingresso nel Carmelo di Pau (Francia)

1870: Insieme ad altri Carmelitane, fonda il primo Carmelo in India, Mangalor

1872: ritorno al Carmelo di Pau

1875: fonda insieme ad altri Carmelitane il Carmelo di Betlemme

1878: il 26 agosto muore a Betlemme

 

Iniziamo la novena con questa preghiera che il Signore ha ispirato in Santa Mariam

 

Spirito Santo, ispirami;

Amore di Dio, consumami;

Guidami sulla retta via;

Maria, madre mia, guardami;

Con Gesù, benedicimi;

Da ogni male, da ogni illusione,

da ogni pericolo salvami.

 

Preghiamo lo stesso ogni giorno…

Poi, con Santa Mariam, affidiamo al Signore l’intenzione che abbiamo nel cuore…

Santa Maria di Gesù Crocifisso, prega per noi

Ave – Padre Nostro – Gloria

 

Concludiamo pregando:

Santa Maria di Gesù Crocifisso, hai avuto tante grazie straordinarie nella tua vita, ma la cosa più straordinaria di te è stata la semplicità e l’amore del tuo cuore attraverso tutto. Ecco perché oggi vengo a voi con grande fiducia per questa intenzione…  So che è con questa stessa semplicità e questo stesso amore che lo presenterai al Signore, al quale mi abbandono per tua intercessione.

 

1° giorno – Il Mistero dell’Incarnazione

Santa Maria di Gesù Crocifisso, sei figlia di questa Terra Santa in cui Dio si è fatto uomo per portare la salvezza a tutta l’umanità. Abitando fin dall’inizio vicino ai Luoghi Santi, hai designato il luogo della Casa di Davide in cui eri così felice di vivere, e il luogo del Vangelo di Emmaus. Ci indichi così che c’è una grazia da ricevere da questi Luoghi santificati dal Mistero dell’Incarnazione,  aiutaci a ricevere anche noi quel frutto, meditando la Parola di Dio e accogliendo con fede la storia della salvezza, affinché la nostra vita diventi una terra santa, un luogo dove può fiorire la salvezza.

 

“Io canto la grandezza,

la potenza del nostro Creatore;

Vieni, adoriamolo.

Perché siamo opera delle sue mani,

il prezzo del suo sangue;

vieni, adoriamolo”.

 

2° giorno – Lo Spirito Santo

 

Santa Maria di Gesù Crocifisso, hai vissuto con lo Spirito Santo fin dagli albori della tua vita. A volte lo chiamavi anche “madre mia” così tanto che ti rivolgevi sempre a Lui in tutte le tue necessità, e Lui ti circondava, ti guidava lungo il cammino, attraverso situazioni a volte impossibili. Hai incoraggiato tutti coloro che si sono avvicinati a te ad affidarsi a lui ea vivere del suo respiro. Con te vogliamo pregare:

“Sei tu che fai conoscere Gesù. Gli apostoli rimasero con lui a lungo senza capirlo; ma una goccia di te gli ha fatto capire. Mi farai capire anche a me. Vieni, mia consolazione, vieni mia gioia, vieni mia pace, mia forza, mia luce”.

 

3° giorno – La Vergine Maria

 

Sempre unita allo Spirito Santo, Maria ti ha guidato e aiutato nei momenti più difficili. Ti ha aiutato a mantenere la tua vocazione a donarti solo a Dio e a rafforzare la tua fede cristiana mettendo a rischio la tua vita. Ti ha miracolosamente guarito molte volte. Nello stesso anno di Santa Bernadette a Lourdes vi ha dato alcuni messaggi evangelici essenziali: “Confida sempre in Dio, qualunque cosa accada, e prediligi sempre il tuo prossimo a te stesso”. Insegnaci a rivolgerci a Lei in ogni momento e in ogni luogo, come bambini, perché possiamo cantare con te:

 

“Ai piedi di Maria, mia cara Madre,

Ho ritrovato la vita”

“Vivo nelle viscere della  mia Madre, lì trovo il mio Amato”.

 

4° giorno – Gesù Crocifisso

 

Prima della sofferenza del Cristo crocifisso e prima delle false vie che portano gli uomini alla loro perdizione, ti sei affrettata ad entrare nel Mistero della Divina Misericordia: «dammi le tue sofferenze e abbi pietà dei peccatori». Questa unione con Gesù Crocifisso si è espressa nella tua carne attraverso le stigmate della Passione che hai rivissuto ogni settimana. Per il tuo grande amore a Dio e a  tuoi fratelli, insegnaci a vivere tutto in unione con Gesù Crocifisso, a ricevere dalla sua Passione il sangue e la vita che ci salva.

“Gesù non  è conoscuto, Gesù non è amato… Amiamo l’Amore, amiamo l’Amore!

Dal centro di questa terra il mio cuore geme, il mio cuore sospira

Ave, o albero benedetto che ci dona la vita”.

 

5° giorno – combattimento spirituale e umiltà

 

Per tutta la vita hai vissuto molte battaglie; prima per seguire la tua vocazione, poi come servante e come monaca. Hai avuto anche momenti di combattimento più diretto con il diavolo, come Gesù nel deserto. Sei uscita vittoriosa non per te stessa, per le tue stesse forze, ma per la tua piccolezza abitata da Gesù. Ti chiamavi “il piccolo nulla” così lui poteva occupare tutto lo spazio che c’era in te.

Insegnaci a combattere così, contando sul Signore e amandolo con tutto il cuore.

“Chiedo all’Altissimo: “Dove abiti? Mi risponde: “ogni giorno faccio una nuova casa, una nuova nascita in una grotta, in una povera casa… Sai come ho schiacciato il nemico? Per essere nato così in basso”

 

6° giorno – carità

Un giorno nella tua infanzia Gesù ti ha sussurrato “tutto passa, ma se vuoi darmi il tuo cuore, io sarò sempre con te”. E tu pregavi: vorrei  un cuore più grande dell’universo per amarti mio Dio

La Vergine Maria ti ha detto “preferisci sempre l’altro prima di te”. Lo metti in pratica e ci dici: “Hai sete e ti danno l’acqua, dai questo bicchiere a tuo fratello che ha sete. Ma tu hai più sete di lui… Ma il Signore ti darà da bere dalla sua mano. »

“Fa’, Signore, che tutti i cuori delle mie sorelle, dei miei fratelli siano tuoi.

La carità è il manto che copre tutto… vi chiedo carità, carità…

O Signore, dacci un granello di carità, perché la terra non si deteriori; un granello di carità che il sole non può seccare. Un piccolo seme… Oh albero magnifico!”

 

7° giorno – Il perdono

 Hai viaggiato lontano nel  tuo tempo! Viaggiando attraverso i paesi del Mezzo Oriente, in Francia e persino in India. Durante questi viaggi e nel trambusto delle fondazioni, a volte sei stata maltrattata dagli eventi o dalle persone, a volte anche condannata ingiustamente, ma hai sempre mantenuto un cuore colmo di amore e di perdono. Tu stessa hai avuto un profondo senso dei tuoi peccati e ti sei sentita completamente rinnovata dal sacramento del perdono. Un giorno in cui tutti i tuoi peccati sono passati in dettaglio davanti ai tuoi occhi  hai gridato a Dio:

“Signore, è fatto, cosa vuoi che faccia? Tu conosci il dolore che provo nel mio cuore… Ricorda l’opera delle tue mani… La moltitudine delle tue misericordie cancellerà la moltitudine dei miei peccati”

 

8° giorno – La Chiesa

Hai condiviso le gioie e le sofferenze della Chiesa del tuo tempo, pregando per il Concilio, offrendo la tua vita e la tua preghiera per il Santo Padre. Hai detto: “O! Come mi danno gioia le preghiere del sacerdote! Nel sacerdote vedo solo Dio». Hai anche sostenuto con la tua preghiera, nella “comunione dei santi”, persone in grande prova in tutto il mondo. Vieni in mio aiuto anche oggi in questa inquietudine che mi abita e mi apre il cuore a questa grande comunione in Dio. Con te voglio pregare per la Chiesa, per i sacerdoti.

“Madre mia, Chiesa, rosa mistica, ti amo… Quando una Madre soffre, tutti i figli soffrono con la madre. Oh! Come vorrei dare il mio sangue per la Chiesa, offro tutto per lei, per l’unione».

 

9° giorno. Paradiso

 

Hai vissuto “con i piedi per terra e la testa in cielo”, nel cuore della Trinità, con i santi e gli angeli che ti erano familiari come le tue sorelle, e in mezzo ai tuoi molteplici lavori di sorella conversa . Aiutaci a capire quanto il Cielo è vicino a noi, ci ama e chiede solo di aiutarci ad aprire un piccolo angolo dei nostri pensieri, della nostra fede, del nostro cuore. Apriamo gli occhi sulla grandezza e sulla bellezza della nostra vita in Dio e su quanto sia importante non limitarci ai nostri punti di vista.

“Oh! Com’è dolce essere tuo, o mio Salvatore! Il tuo nome è grande; riempi il cielo Tutti lo lodano e sono pieni di gioia alla sua presenza. L’abisso dove mi trovavo era profondo; il Signore mi ha salvato. Da quel giorno, sono per sempre nel Suo seno. Buona giornata: non finisce mai!…”

Add Your Comment