Un nome

“Le è data la gloria del Libano; lo splendore del Carmelo…” (Is. 35,2)

 

“Carmelo” è una parola che dal punto di vista etimologico può assumere significati molteplici. Il più noto riscontra nel vocabolo ebraico Karmel (radice KRM) una certa coincidenza con il sostantivo Kerem che sta per vigna, orto, giardino e che viene costantemente associato all’idea di fecondità, ricchezza, bellezza.

Il Carmelo è anche il nome di una montagna, teatro di importanti eventi nella storia del popolo ebraico e perciò considerato un luogo paradigmatico dell’incontro con Dio, che a partire dal profeta Elia ha caratterizzato tutta la tradizione monastica.